Cosa c’è nel “decreto scuola” – Il Post

Oggi il cosiddetto “decreto scuola” – che convertirà in legge il decreto approvato lo scorso 8 aprile dal Consiglio dei ministri, contenente le norme per lo svolgimento e la conclusione dell’anno scolastico in corso – sarà esaminato e votato in prima lettura dal Senato. Il testo arriva in aula dopo che ieri è stato trovato un accordo tra i partiti di governo nella commissione Istruzione del Senato. Nello specifico M5S, PD e LeU si sono accordati sulle modalità con cui verrà svolto il concorso straordinario per 32mila docenti “precari” che insegnano da almeno tre anni.

Il concorso si terrà dopo l’estate, nell’anno scolastico 2020/21, anche se non si conosce ancora la data precisa. Per quanto riguarda la prova scritta, ci saranno domande a risposta aperta e non quesiti “a crocette” (cioè con la possibilità di scegliere una fra le risposte già fornite), come avrebbe voluto la ministra Azzolina, che chiedeva anche che l’esame si tenesse prima dell’inizio del nuovo anno scolastico. Per superare la prova il candidato dovrà ottenere un punteggio minimo di sette decimi. Oltre alle competenze nelle specifiche materie d’insegnamento verrà valutata la conoscenza dell’inglese.

Sul testo del decreto il governo dovrebbe porre la fiducia e visto il compromesso che è stato trovato è probabile che non subirà cambiamenti neanche nel successivo passaggio alla Camera. Il decreto deve essere approvato entro il 7 giugno.

– Leggi anche: La proposta della Commissione Europea sul Fondo per la ripresa

Il senatore Francesco Verducci del PD aveva presentato un emendamento che prevedeva l’assunzione immediata dei precari, ma è stato bocciato per un solo voto. Bocciato anche il subemendamento dello stesso Verducci con una serie di indicazioni per rendere più agile la prova scritta, in linea con l’idea del ministro Azzolina.

Il Partito Democratico non ha seguito il suo senatore, ma ha votato in linea con l’accordo di governo mediato dal presidente del Consiglio Conte che avrebbe detto no sia al concorso ad agosto, che alla modalità dei test “a crocetta”. Per il deputato, ed ex presidente del PD, Matteo Orfini quello sul concorso è stato «un accordo al ribasso».

– Leggi anche: Le notizie di mercoledì sul coronavirus in Italia

L’accordo sembra soddisfare le diverse forze di governo, non solo per la parte che riguarda il decreto straordinario, ma anche per altre parti parti collaterali.

Il senatore di Italia Viva Davide Faraone si dichiara soddisfatto per l’inserimento di un emendamento sull’edilizia scolastica e ne parla come di un «piano shock». Il Movimento 5 Stelle invece manifesta soddisfazione per l’apertura delle graduatorie provinciali in cui i docenti potranno indicare fino a 20 scuole a cui essere assegnati.

Durante l’esame della commissione Istruzione del Senato di ieri inoltre è stato approvato anche un altro emendamento, proposto dai senatori PD Verducci e Iori, che prevede per le scuole elementari l’abolizione della valutazione numerica e il ritorno al giudizio.

Sulla soluzione trovata per il concorso straordinario sono molto critici i cinque maggiori sindacati della scuola (Flc Cgil, Cisl scuola, Uil scuola Rua, Snals Confals e Gilda Unams) che hanno dichiarato di essere «insoddisfatti delle mediazioni politiche raggiunte fra i gruppi di maggioranza».

Sorgente articolo:
Cosa c’è nel “decreto scuola” – Il Post

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Invia Email di Marketing
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Il tuo sito web Personalizzato
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parola chiave nella ricerca