Inps, le domande per il bonus da 600 euro degli autonomi entro il 3 giugno – la Repubblica

I lavoratori autonomi che avevano diritto all’indennità Covid per il mese di marzo, e non hanno ancora fatto domanda, potranno farlo solo fino al 3 giugno. Invece l’indennità ai lavoratori autonomi (600 euro) per il mese di aprile sarà attribuita dall’Inps senza bisogno di fare una nuova domanda, se la si è già avuta a marzo.

Oltre ai lavoratori autonomi che non l’hanno ancora chiesta per marzo (entro il 3 giugno), dovranno fare domanda le categorie escluse dal decreto Cura Italia e previste dal decreto Rilancio.


Lo precisa l’Inps in una circolare sul decreto Rilancio sottolineando che per chi ha ricevuto già l’indennità a marzo è prevista con le stesse condizioni un’erogazione ad aprile senza che sia necessaria una nuova domanda.
Bonus 600 euro anche ai professionisti. Ma il governo resta fermo sul no ai contributi a fondo perduto
Il decreto Rilancio prevede – si legge – che i lavoratori che non hanno presentato domanda per l’accesso alle indennità Covid-19 possono ancora presentare la relativa domanda per la fruizione dell’indennità anche per il mese di marzo nel termine – legislativamente previsto a pena di decadenza – di quindici giorni dalla data di entrata in vigore del suddetto D.L. n. 34 del 2020, cioè il 3 giugno 2020″.

A questo adempimento sono tenuti anche i lavoratori autonomi titolari di assegno ordinario di invalidità e che in ragione a questo status, non previsto nell’originario testo del decreto Cura Italia, non avevano potuto presentare domanda di indennità per marzo 2020.

RepNel decreto Rilancio da 55 miliardi aiuti per imprese e lavoro
Sorgente articolo:
Inps, le domande per il bonus da 600 euro degli autonomi entro il 3 giugno – la Repubblica

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Free Web Hosting
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Online
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro