Calabria, la procura chiede l’archiviazione per l’assessora Catalfamo e altri politici di Reggio – Il Fatto Quotidiano

La Procura di Reggio Calabria ha chiesto l’archiviazione per l’assessora regionale alle Infrastrutture Domenica Catalfamo, indagata nell’ambito dell’inchiesta “Helios” che, lo scorso giugno, aveva portato all’amministrazione giudiziaria dell’Avr Spa, la società che si occupa della raccolta differenziata nella città dello Stretto e della manutenzione delle strade. Come dirigente pro tempore del settore viabilità della Città Metropolitana di Reggio Calabria, nonché rup dei lavori del progetto della Gallico-Gambarie, l’assessora Catalfamo era indagata con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata allo scopo di commettere una pluralità di delitti contro la pubblica amministrazione e corruzione. Nel corso dell’inchiesta condotta dai carabinieri, inoltre, era stata iscritta nel registro degli indagati anche per concorso esterno con la ‘ndrangheta.

Adesso per lei potrebbero cadere tutte le accuse, così come per l’amministratore delegato dell’Avr Claudio Nardecchia e per gli altri politici coinvolti nell’indagine. La richiesta di archiviazione, infatti, è stata presentata dalla Procura nei confronti dell’ex vicesindaco di Reggio Calabria, oggi consigliere comunale, Armando Neri, gli assessori comunali Giovanni Muraca e Rocco Albanese, il consigliere Filippo Quartuccio e l’ex sindaco di Taurianova Fabio Scionti. Il procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri e i sostituti Stefano Musolino, Walter Ignazitto e Alessandro Moffa hanno chiesto, invece, il rinvio a giudizio per il consigliere comunale del Pd Nino Castorina, per l’ex consigliere regionale e provinciale Giovanni Nucera accusati di tentata induzione indebita a dare o promettere utilità.

Stando all’impianto accusatorio, Castorina avrebbe chiesto all’allora dirigente Catalfamo “l’assunzione in Avr di persone da lui ‘sponsorizzate’”. In sostanza, “dalle sue parole – scrivono i magistrati – si comprendeva che si trattava di una prassi consolidata, cosicché egli chiedeva la sua parte”. L’indagine riguardava pure il tentativo delle cosche di infiltrare l’Avr che, secondo gli investigatori, “ha concesso assunzioni di soggetti sponsorizzati dalla politica e affidato lavori a ditte gradite dalla criminalità organizzata”. È stato chiesto il processo, infatti, per i dipendenti dell’Avr Francesco Antonio Purrone e Giglio Genoese nei confronti dei quali otto mesi fa la Procura aveva chiuso le indagini per concorso esterno con la ‘ndrangheta. In particolare, secondo i pm, Purrone sarebbe stato “l’interlocutore delle cosche” e avrebbe agevolato “l’infiltrazione delle imprese colluse con la ‘ndrangheta – è scritto nel capo di imputazione – nelle opere edili subappaltate o concesse dalle due Spa nell’ambito dei servizi di gestione e manutenzione delle strade provinciali di Reggio Calabria”. Il dipendente dell’Avr Giglio, invece, avrebbe agevolato “gli interessi delle imprese colluse con la ‘ndrangheta nei rapporti con il ramo d’azienda dedicato al servizio di raccolta dei rifiuti nella città”.

Giustizia di Fatto – Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell’ambito della Giustizia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, il senatore di Forza Italia Marco Siclari sceglie il rito abbreviato: è imputato per scambio elettorale politico mafioso

next

Sorgente articolo:
Calabria, la procura chiede l’archiviazione per l’assessora Catalfamo e altri politici di Reggio – Il Fatto Quotidiano

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parola chiave nella ricerca
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Servizi B2B di Video Conferenza