Nuovo decreto Covid: Draghi ha deciso. Stop visite a parenti e amici in zona rossa – QUOTIDIANO.NET

Il consiglio dei ministri (Dire)
Il consiglio dei ministri (Dire)

Roma, 22 febbraio 2021 –  A Palazzo Chigi è terminato – dopo un’ora e mezza (era iniziato verso le 10) – il primo consiglio dei ministri operativo dell’era Draghi. Il cdm ha approvato il decreto legge Covid. Il provvedimento – come già emerso domenica sera – proroga il divieto di spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo. Ma c’è una grande novità: resta nelle zone gialle e arancioni la possibilità, una sola volta al giorno, di spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, in massimo due persone, con i figli minori di 14 anni. Questa possibilità non varrà invece più nelle zone rosse.

Il cdm ha quindi affrontato dal punto di vista decisionale essenzialmente il punto degli spostamenti decidendo come detto la proroga del divieto di spostamenti tra le regioni (anche gialle) che scadeva giovedì 25 febbraio. Divieto dunque proprogato di 30 giorni e quindi fino al 27 marzo. Con l’ulteriore corollario delle visite ad amici e parenti. Non si sa ancora se verrà confermata l’eccezione per le seconde case.

Per quanto riguarda gli spostamenti fra regioni ci si può spostare per esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. In questo caso dovremo avere l’autocertificazione (qui il modello Pdf). È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Il provvedimento è un decreto legge e non il solito Dpcm (qui vi speghiamo la differenza) che aveva caratterizzato l’attività del governo Conte.

Decreto Covid: le richieste delle Regioni

Viaggi in auto con gli amici: ecco come

Zona arancione e sport: quando si può uscire dal Comune

Le altre misure

Detto questo, resta da vedere se è iniziata anche la discussione sulle altre restrizioni in vista del 5 marzo quando scadrà il Dpcm 16 gennaio. In particolare quella sulle zone colorate. Le Regioni spingono affinché vengano rivisti i criteri di assegnazione rendendoli più oggettivi. Tramontata l’idea di una zona unica arancione in tutt’Italia. Questa mattina il presidente della Conferenza delle Regioni e governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ha ribadito la richiesta di evitare decisioni all’ultimo minuto. E su questo punto Mario Draghi ha già detto di essere d’accordo: tanto che i provvedimenti in futuro saranno presi almeno una settimana prima dell’entrata in vigore per dar modo alle categorie di prepararsi.

E a quanto si sa il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini, ha illustrato nel cdm le proposte messa a punto dalle regioni per la gestione dell’emergenza Covid. Le richieste sono state poi inviate dagli uffici del ministro a tutti i ministeri.

Esercito

Il Consiglio dei ministri ha nominato il generale Pietro Serino nuovo capo di stato maggiore dell’Esercito. Lo si apprende da fonti di governo al termine della riunione.

Sorgente articolo:
Nuovo decreto Covid: Draghi ha deciso. Stop visite a parenti e amici in zona rossa – QUOTIDIANO.NET

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Gestione Contatti
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Servizi B2B di Video Conferenza
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Fiasconaro