Presidenza Congo: “Attanasio e Iacovacci uccisi durante un inseguimento” | Il papà del diplomatico: “Ora pensiamo ai nipoti” – TGCOM

I rapitori erano armati di cinque fucili automatici kalashnikov e un machete. L’agonia del diplomatico, deceduto in ospedale, è durata circa un’ora. Mercoledì l’autopsia sulle salme, che rientreranno in serata

L’agonia del diplomatico è durata circa un’ora. “Quest’ultimo è morto per le ferite, un’ora più tardi, all’ospedale della Monusco di Goma”, precisa il comunicato della presidenza congolese. L’autopsia sulle salme di Attanasio e Iacovacci, che rientreranno in Italia in serata, sarà effettuata mercoledì.

Nella nota viene spiegato che i rapitori erano armati di cinque fucili automatici kalashnikov e un machete. “Gli assalitori, sei di numero e muniti di cinque armi di tipo Ak47 come anche di un machete, hanno esploso tiri di avvertimento prima di obbligare gli occupanti dei veicoli a scendere e seguirli nel fitto del parco, dopo aver abbattuto uno degli autisti al fine di creare il panico”.

Attanasio era arrivato a Goma già venerdì 19 febbraio alle 10:30 a bordo del jet della Monusco immatricolato 5Y/Sim. “Alle 09:27 di lunedì 22 febbraio – si legge nel comunicato della presidenza congolose – un convoglio di due veicoli del Programma alimentare mondiale ‘Pam’ è partito da Goma alla volta del comune di di Kiwanja, in territorio di Rutshuru. Alle 10:15 il convoglio è caduto in un’imboscata più o meno a 15 km da Goma e 3 km prima del Comune rurale di Kibumba, più precisamente a Kanyamahoro sulla RN2 in territorio di Nyiragongo”.

Le Forze Democratiche della Liberazione del Ruanda (Fdlr) negano la responsabilità dell’attacco. È quanto si legge in un loro comunicato, in cui “condannano con forza” l’attacco e “respingono categoricamente” le accuse delle autorità di Kinshasa, dichiarando “di non essere per nulla implicati” nella vicenda e “chiedendo alle autorità congolesi e Monusco di far luce sulle responsabilità di questo ignobile assassinio”. 

Commoventi le parole del papà del diplomatico: “In trenta secondi sono passati i ricordi di una vita, ci è crollato il mondo addosso. Sono cose ingiuste, che non devono accadere. Per noi la vita è finita. Ma adesso bisogna pensare alle nipoti, queste tre creature avevano praterie davanti con un padre così. Non sanno ancora cosa è accaduto. Anche la loro mamma, la moglie di Luca, è distrutta dal dolore”.

Sorgente articolo:
Presidenza Congo: “Attanasio e Iacovacci uccisi durante un inseguimento” | Il papà del diplomatico: “Ora pensiamo ai nipoti” – TGCOM

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Posiziona il tuo sito nelle prime pagine dei motori di ricerca
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Pubblicità via Email
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime