“Vaccino Astrazeneca dà fastidio perché costa poco”. Il sospetto dell’ad di Irbm Pomezia – L’HuffPost

Getty

Vaccino Astrazeneca

“Non si giustifica questo accanimento sul vaccino Astrazeneca, è un tiro al vaccino insopportabile. Ho il sospetto che questo vaccino dia fastidio perché costa troppo poco”. Così Piero Di Lorenzo, presidente e amministratore delegato di Irbm Pomezia, azienda italiana che collabora alla produzione, ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus.

“L’università di Oxford, facendo una cosa da prefazione ad un libro di etica, ha imposto l’idea che il vaccino è veramente un bene comune. È stata fatta una scelta etica, in pandemia non si guadagna sul vaccino e quindi il vaccino è venduto a 2 euro e 80 centesimi. Ho l’impressione che il tutto venga strumentalizzato per aprire la corsa e guadagnare tanto”, ha osservato Di Lorenzo, secondo cui è in corso una campagna di “tiro al vaccino” per le polemiche sui ritardi nelle forniture.

“Questa storia che non arrivano le dosi è diventata insopportabile – ha affermato Di Lorenzo – ho cercato di far capire che quando si parla di produzione di vaccino non si parla di produzione di saponette, il vaccino presuppone una cultura cellulare. Quando si semina il grano, uno si aspetta che da quella semina vengano fuori tot quintali di grano, se vengono meno il 7% di quintali con chi se la prende? Se la può prendere solo col cielo. Nel caso specifico del vaccino, quando fai una programmazione, hai uno stock di riserva, ma in questo caso non c’era la possibilità di integrare quel quid che madre natura non ha consentito di portare a casa. In una condizione di fiducia reciproca, si dice: purtroppo manca il 7%, la prossima volta cercheremo di rintegrare. Entro la fine di marzo ci sarà la consegna di 5 milioni di dosi e così sarà. Astrazeneca ha assicurato che nel secondo trimestre dell’anno, il 99% delle dosi sarà quello promesso e ci sarà anche un recupero. Nella penultima consegna c’erano più dosi di quelle che dovevano arrivare e nessuno le ha notate, quando c’è un po’ di meno allora ci sono i titoloni”. Secondo l’ad Irbm, “l’accanimento contro il vaccino Astrazeneca” potrebbe essere dovuto al suo basso costo: il siero è venduto a “2 euro e 80 centesimi. Ho l’impressione che il tutto venga strumentalizzato per aprire la corsa e guadagnare tanto”.

Sorgente articolo:
“Vaccino Astrazeneca dà fastidio perché costa poco”. Il sospetto dell’ad di Irbm Pomezia – L’HuffPost

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Gestione Contatti
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999981 Free Web Hosting
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parola chiave nella ricerca
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Il tuo sito web Personalizzato