Vaccini ai 70enni verso lo stop. Due corsie diverse per i fragili: dalle 17 ci si può prenotare sul portal… – La Repubblica Firenze.it

Dalle ore 17 di oggi, 7 aprile, 20 mila soggetti fragili potranno connettersi al portale della Regione per prenotare il vaccino anti-Covid. Inutile illudersi di trovare tutti un appuntamento tra venerdì e domenica però: le dosi Moderna a disposizione sono molto poche, ne verranno messe “in palio” solo circa 5 mila immediatamente disponibili mentre il resto dei pretendenti, gli altri 15 mila, potrebbero trovare, sempre on line, un posto tra il 23 aprile e il 9 maggio. In pratica una prenotazione “al buio”, nella speranza che nel frattempo, si ipotizza il 14, arrivino nuove forniture.

Questo però è il programma che riguarda solo una parte della platea dei soggetti vulnerabili (qui le Faq della Regione sull’elevata fragilità). Per circa altri 36 mila soggetti si cambia del tutto: stop al portale, niente più riffa on line per il posto al sole. Si tratta di persone affette da 6-7 tipi di patologie: immunodepressi gravi, cardiopatici, Aids, diabetici, trapiantati, oncologici, malattie respiratorie e neurologiche. Questi soggetti dovrebbero aver ricevuto un sms ieri sera dalla Regione in cui sono stati avvertiti della nuova procedura: niente più prenotazione sul sito, saranno direttamente le Asl e i reparti a chiamarli per la somministrazione in un hub man mano che ci saranno dosi disponibili per loro: circa 10 mila saranno convocati subito, già da qui al weekend. Ma non è finita, c’è anche un’altra sotto categoria in questo sistema-rompicapo partorito dalla Regione: altri 25 mila soggetti, sempre tra coloro che si sono registrati come super fragili (circa 117 mila, di cui 36 mila hanno già avuto la prima dose), che non hanno ricevuto nessun sms ieri né ne riceveranno oggi.

Persone fragili, caos vaccini: l’sms arriva anche a chi si è già vaccinato

Si tratta di soggetti con codici di esenzione per patologia che secondo le nuove circolari ministeriali possono attendere: loro saranno contattati in una seconda fase, solo quando le dosi a disposizione saranno massicce. Del resto questo delle forniture resta il vero tallone d’Achille della campagna vaccinale toscana, che ieri sera ha superato quota 782 mila somministrazioni totali. Se Moderna sta finendo e non si sa quando arriva, presto mancherà pure Astrazeneca, con cui si stanno immunizzando i 70 enni. Con le dosi disponibili si riusciranno a coprire gli appuntamenti di oggi, qualcuno di domani e poi appena 2.300 caregiver su quasi 30 mila registrati. Poi stop. Niente nuove prenotazioni fino a prossima consegna, verosimilmente il 14. Ma sarà un carico fiacco: «Abbiamo avuto informazioni che alla Toscana spetteranno appena 9.500 dosi. Ma il generale Figliuolo mi ha chiamato per garantirmi il suo impegno ad aumentare questo numero» assicura il governatore Giani. Certo è un bel guaio perchè per il momento i 70-79 toscani vaccinati sono meno del 30%, 123 mila su oltre 400 mila. Se non altro Pfizer, usato per gli over 80, non sta dando problemi di rifornimenti. Ieri è arrivato un carico da 110 mila dosi, più del previsto. Andranno ai medici di famiglia che ne hanno prenotate 80 mila anche per questa settimana e provano ad accelerare: ieri eravamo a 162 mila prime dosi fatte nonostante le pochissime fiale di Pasquetta (72).

Giani vuole finire il “primo giro” per il 25 aprile ed è convinto che per farlo serva uno sforzo in più: nei weekend, quando i dottori di base non vaccinano, per gli anziani possano essere usati gli hub come il Mandela Forum, ritiene il governatore. Oggi riunione decisiva coi medici: l’ipotesi è che quei dottori che non hanno aderito alla campagna vaccinale forniscano i loro elenchi alla Regione che provvederà a convocare gli anziani direttamente negli hub. In tutta la Toscana fioccano intanto proteste per i vaccini, come nel Livornese: il sindaco di Cecina Samuele Lippi denuncia la mancata apertura del centro vaccinale nel suo comune per mancanza di fiale. Il sindacato Nursind denuncia gli appuntamenti saltati a Pasquetta a Ponte a Niccheri, l’Asl si scusa. E oggi Consiglio regionale infuocato: la Lega vuole le dimissioni dell’assessor Bezzini e anche in maggioranza c’è tensione: Italia Viva con Scaramelli dice sì ad una commissione d’inchiesta sui vaccini ma il Pd difende Bezzini.

Sorgente articolo:
Vaccini ai 70enni verso lo stop. Due corsie diverse per i fragili: dalle 17 ci si può prenotare sul portal… – La Repubblica Firenze.it

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Video Conferenze per B2B