Lodi, inaugurata via Sergio Ramelli. Protestano Pd e i partigiani dell’Anpi – Corriere della Sera

Sergio Ramelli è sepolto al cimitero Maggiore di Lodi da 41 anni ma la sua città di origine non gli ha mai dedicato una via. Con questa motivazione per anni Fratelli d’Italia ha portato avanti una battaglia in Consiglio comunale per ottenere dall’amministrazione di Lodi l’intitolazione di una strada all’attivista del Fronte della Gioventù aggredito a Milano il 13 marzo 1975 da un gruppo di studenti legati ad Avanguardia Operaia e morto il 29 aprile al Policlinico dopo 47 giorni di agonia. Giovedì mattina il cerchio si è chiuso con l’inaugurazione di una strada secondaria dell’Oltreadda a Ramelli da parte del sindaco di Lodi, Sara Casanova: una nuova traversa di via Cavallotti porta il nome di Ramelli: «Sergio proveniva da una famiglia lodigiana — ha detto Casanova — e come tanti coetanei viveva l’adolescenza diviso tra studio, passione per il calcio e impegno politico, esprimendo liberamente le proprie idee. L’anniversario di questa tragica scomparsa a 46 anni di distanza ci porta a onorare la memoria di un ragazzo prima perseguitato per aver manifestato e difeso le proprie posizioni, e infine barbaramente ucciso da avversari politici che neanche lo conoscevano. Una violenza che proseguì anche dopo la sua morte con pesanti intimidazioni rivolte ai suoi famigliari. Questa pagina triste della nostra storia ci unisce nella ferma condanna degli atroci delitti del terrorismo politico che ha colpito tutti gli schieramenti».

Il Comune aveva approvato un anno fa una mozione presentata da Fratelli d’Italia e il Consiglio comunale ha dato il via libera definitivo all’intitolazione il 15 aprile scorso. Molte le polemiche in città, però, soprattutto da parte dell’Anpi provinciale e del Pd che avevano rilanciato la proposta di un’intitolazione più generica «a tutte le vittime dell’odio politico e ideologico», considerato che annualmente l’anniversario della morte di Ramelli richiama al cimitero di Lodi «gruppi estremisti il cui linguaggio e la cui simbologia dimostrano che quel passato è più vivo che mai». In passato la rievocazione infatti ha richiamato cortei di neofascisti sia a Milano in via Paladini (dove avvenne l’aggressione) e al cimitero di Lodi, dove Ramelli è sepolto.

29 aprile 2021 | 19:47

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articolo:
Lodi, inaugurata via Sergio Ramelli. Protestano Pd e i partigiani dell’Anpi – Corriere della Sera

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parola chiave nella ricerca
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Servizi B2B di Video Conferenza
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Il tuo Sito Web Personalizzato