Bruno Vespa e l’ex brigate rosse Pietrostefani: “Era mio compagno di scuola, cosa vorrei chiedergli adesso” – Liberoquotidiano.it

Bruno Vespa
Sullo stesso argomento:

Bruno Vespa parla del suo compagno di classe, Giorgio Pietrostefani. Quando lo incontrò dopo più di trent’anni, nel ’97 nel carcere di Pisa gli disse: “Bruno, io sono innocente”, “non c’entro niente con l’esecuzione del dottor Calabresi“. “Mi colpirono due parole. Quel ‘dottor’ che Pietrostefani usò sempre nel nostro colloquio parlando di Calabresi. Ed ‘esecuzione’, il termine tremendo usato dai terroristi rossi per indicare l’omicidio delle loro vittime”, scrive nel suo editoriale su il Giorno.

Una vendetta. Il giornalista del Tg1 difende gli ex brigatisti rossi: un terremoto politico, sapete chi è?

“Avevamo fatto le elementari insieme. Ci eravamo divisi al ginnasio, ma giocavamo in coppia a tennis. non eravamo amici, a scuola c’eravamo scontrati”, racconta Vespa, “non ci vedevamo dal ’62, quando Giorgio si trasferì a Pisa, la città che avrebbe cambiato la sua vita”. E infatti Pietrostefani diventò uno dei capi carismatici di ‘Lotta Continua’. “Quando gli ricordai la tremenda campagna di stampa contro Calabresi, Pietrostefani riconobbe che fu ‘una campagna assurda”, scrive il giornalista, “e accennò, senza far nomi, ai famosi appelli pubblicati nel ’71 dall’Espresso in cui il meglio dell’intellighenzia di sinistra scrisse contro Calabresi la motivazione di una condanna a morte. “Era naturale che nella logica estremistica di quei tempi si dicesse: Pinelli stava nella stanza di Calabresi, Pinelli è caduto dalla finestra, Calabresi ha buttato giù Pinelli. Calabresi è un assassino. Cominciò così’, mi disse Giorgio”.

Ecco la vera ragione per cui i brigatisti rossi erano protetti: Vittorio Feltri, atto d'accusa

Da lì cominciò una storia giudiziaria unica in Italia: 15 sentenze in 12 anni. “Nel 2000 Pietrostefani scappò definitivamente in Francia, mai pensando che ventuno anni dopo il patto Draghi-Macron avrebbe fatto cadere la dottrina Mitterand”, racconta Vespa. Che però ha una richiesta da fare a Giorgio Pietrostefani che “ha 78 anni ed è malato seriamente”. Se “la giustizia non è vendetta”, “il nostro Paese ha diritto di sapere il tanto non detto sugli Anni di Piombo. Troppi brigatisti sono stati perdonati senza aprire davvero bocca”.

Io mi vergogno per quello che ho fatto: appello contro Calabresi, la lezione di Paolo Mieli

Please enable JavaScript to view the

comments powered by Disqus.
Sorgente articolo:
Bruno Vespa e l’ex brigate rosse Pietrostefani: “Era mio compagno di scuola, cosa vorrei chiedergli adesso” – Liberoquotidiano.it

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Software
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro