Rai, il colpo di mano di Mario Draghi: “Totale autonomia”, retroscena sulle poltronissime con cui esclude i partiti – Liberoquotidiano.it

Sullo stesso argomento:

La grandinata di richieste di dimissioni, di ogni colore politico, precipitata sul vertici della Rai non spinge Mario Draghi non accelera sul cambio dei vertici Rai, dopo caso Fedez-Lega per il 1 maggio. L’amministratore delegato Fabrizio Salini e il presidente Marcello Foa, scelti da M5Stelle e Lega, hanno i giorni contati: il consiglio di amministrazione di viale Mazzini scade a fine giugno. E per quella data il governo, tramite il ministero dell’Economia, dovrà indicare chi dovrà succedergli. Draghi vuole scegliere in “completa autonomia”, così come farà per Ferrovie e Cassa depositi e prestiti, le altre due società partecipate con i vertici in scadenza.

Mario Draghi a maggioranza variabile. Palazzo Chigi, voci senza precedenti: parte la fase 2, partiti già fregati

Tra i nomi che circolano per il ruolo di ad c’è quello di Tinny Andreatta, un passato in Rai e ora in Netflix . In corsa per i gradi di ad ci sono anche Carlo Nardello (un passato a Raicom) Fabio Vaccarono di Google Italia ed Elisabetta Ripa, attuale ceo di Open Fiber sponsorizzata dalla Lega. Ma potrebbero prevalere scelte interne. In pole: Paolo Del Brocco, ora alla guida di Rai Cinema, e Marco Ciannamea, responsabile dei palinsesti, molto stimato da Matteo Salvini.

Cantante di sinistra, vertici di sinistra. Fedez censurato in Rai al concertone? Salvini li fulmina così: cosa c'è dietro

Per il ruolo di presidente circola forte il nome di Paola Severini Melograni (giornalista e produttrice tv) che se dovesse prevalere l’ipotesi Tinny Andreatta come ad andrebbe a formare il primo ticket in rosa per la tv pubblica. Si fa anche il nome di Alberto Quadrio Curzio, un economista apprezzato da Draghi. Ma anche i nomi di Ferruccio De Bortoli, Marcello Sorgi o Nino Rizzo Nervo. “Ma questi padri nobili, con le credenziali giuste per rivestire il ruolo di presidente di garanzia, potrebbero scendere in campo solo a condizione che venga tolto l’obbligo per i pensionati di lavorare in ruoli dirigenziali solo a titolo gratuito e con il limite di un anno: se non si cambia la legge Madia in Rai non verrà nessuno con uno standing adeguato”, spiega deputato di Italia Viva esperto di tv pubblica, Michele Anzaldi.

Please enable JavaScript to view the

comments powered by Disqus.
Sorgente articolo:
Rai, il colpo di mano di Mario Draghi: “Totale autonomia”, retroscena sulle poltronissime con cui esclude i partiti – Liberoquotidiano.it

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Il tuo Sito Web Personalizzato
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Video Conferenze per B2B