Genova, morta la 18enne vaccinata con AstraZeneca all’open day del 25 maggio – Il Fatto Quotidiano

È morta Camilla Canepa, la 18enne di Sestri Levante ricoverata domenica all’ospedale San Martino di Genova dopo una trombosi al seno cavernoso e operata per la rimozione del trombo e ridurre la pressione intracranica. Era stata vaccinata con AstraZeneca il 25 maggio nell’open day per gli over 18. “Purtroppo, poche ore fa, Sestri Levante è stata colpita da un lutto che mai avremmo voluto vivere – dice la sindaca di Sestri Valentina Ghio – L’amministrazione comunale e tutta la città si stringono intorno alla famiglia della ragazza scomparsa oggi. In questo momento di dolore esprimo tutto il mio affetto e la mia vicinanza ai familiari di Camilla”. La giovane avrebbe sostenuto quest’anno l’esame di maturità.

L’Azienda ligure sanitaria e Regione Liguria avevano segnalato domenica il caso nell’ambito della farmacovigilanza. La ragazza era stata immunizzata dopo un’anamnesi vaccinale negativa. Il 3 giugno si era presentata in pronto soccorso con cefalea e fotofobia. È stata sottoposta ad esami: tac cerebrale ed esame neurologico entrambi negativi. Quindi era stata dimessa con la raccomandazione di ripetere gli esami ematici dopo 15 giorni. Il 5 giugno è ritornata in pronto soccorso con deficit motori a una parte del corpo. I medici l’hanno quindi nuovamente sottoposta a Tac cerebrale con esito emorragico per questo è stata immediatamente trasferita alla Neurochirurgia del San Martino.

Il caso della 18enne e di altre due giovani donne, una sempre in Liguria e un’altra in Toscana, aveva aperto nuovamente il dibattito sul vaccino sviluppato dall’università di Oxford, considerato sicuro ed efficace dall’Ema che non ha mai imposto limiti d’età. Ed è per questo – dopo le parole del professor Franco Locatelli e una riunione di mercoledì era del Comitato tecnico-scientifico – che è atteo un nuovo parere sulla somministrazione del vaccino alla popolazione più giovane. L’Aifa ancora il 26 maggio scorso ricordava che il composto era raccomandato agli over 60 e a fine aprile proprio in un report dell’Ema era possibile leggere che in una condizione di bassa circolazione del coronavirus che provoca Covid il rapporto beneficio rischio non era più a favore del vaccino con il progressivo abbassamento dell’età. Intanto le Regioni continuano a muoversi in ordine sparso, tra chi ha mantenuto gli open day e chi li ha cancellati dopo i dubbi sollevati da sempre più esperti. “Stiamo discutendo in queste ore, l’Aifa il suo parere l’ha dato, ieri ci siamo riuniti con il Cts, ma credo che adesso la responsabilità – sia del parere che della comunicazione – spetti al ministero della Salute. Noi abbiamo una regola di condotta e posso anticipare che su questo sarà il ministro a pieno titolo a dire quale sarà la decisione” ha detto il presidente dell’Agenzia del farmaco, Giorgio Palù, intervenuto al Pharma Talk online dell’Academy Business School di Rcs.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Astrazeneca, immunologo Mantovani: “Vaccino ai più giovani? Da Cts mi aspetto scelta di prudenza e tetto d’età”

next

Sorgente articolo:
Genova, morta la 18enne vaccinata con AstraZeneca all’open day del 25 maggio – Il Fatto Quotidiano

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Gestione Lead
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro