Genova, la 18enne morta per trombosi soffriva di malattia autoimmune e assumeva terapie ormonali – Il Sole 24 ORE

I punti chiave

2′ di lettura

Camilla Canepa, la 18enne di Sestri Levante ricoverata da domenica 6 giugno al S.Martino di Genova dopo una trombosi al seno cavernoso, è morta nella sera di giovedì 10 giugno. Nel tentativo di salvarle la vita, i medici avevano operato la ragazza per rimuovere il trombo e ridurre la pressione intracranica.

La ragazza era stata vaccinata con AstraZeneca il 25 maggio nell’open day per gli over 18. Secondo quanto appreso, soffriva di piastrinopenia autoimmune familiare e assumeva una doppia terapia ormonale. Gli investigatori dovranno ora chiarire se le due patologie fossero state indicate nella scheda consegnata prima della somministrazione del vaccino, il 25 maggio. Tra i documenti che stanno acquisendo i militari anche le relazioni dei dirigenti medici del San Martino.

Loading…

Il cordoglio del sindaco di Sestri Levante

«Purtroppo Sestri Levante è stata colpita da un lutto che mai avremmo voluto vivere. L’amministrazione Comunale e tutta la città si stringono intorno alla famiglia della ragazza scomparsa. In questo momento di dolore esprimo tutto il mio affetto e la mia vicinanza ai familiari di Camilla. Riposa in pace Camilla». Questo il messaggio con cui la sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio, ha annunciato il decesso della 18enne.

I genitori autorizzano l’espianto degli organi

I genitori di Camilla hanno autorizzato l’espianto degli organi. Secondo quanto si apprende sono cinque le persone che beneficeranno degli organi di Canepa. Nel confermare il decesso, la Direzione e tutto il personale del Policlinico San Martino di Genova si sono stretti attorno ai familiari della ragazza, «che abbiamo potuto apprezzare in questi tristi giorni – si legge in una nota della struttura – per l’umanità e la disponibilità palesate nei confronti dei nostri professionisti».

Scopri di più

La ricostruzione dell’Azienda sanitaria ligure

La ragazza si era vaccinata nella Asl di residenza «dopo anamnesi vaccinale negativa«. «Il 3 giugno si è recata in pronto soccorso con cefalea e fotofobia. È stata sottoposta a tac cerebrale ed esame neurologico, entrambi negativi. È stata dimessa con raccomandazione di ripetere gli esami ematici dopo 15 giorni», hanno spiegato Regione e Alisa, l’Azienda ligure sanitaria, ricostruendo la vicenda.

Sorgente articolo:
Genova, la 18enne morta per trombosi soffriva di malattia autoimmune e assumeva terapie ormonali – Il Sole 24 ORE

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999985 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Online
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Small Business CRM
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro