Taxi, a Roma il corteo di protesta contro il ddl Concorrenza (tra petardi e fumogeni) – Corriere della Sera

Tra fumogeni, petardi, striscioni, cori contro Uber e il governo e al suono dell’inno nazionale, poco dopo mezzogiorno è partita la protesta dei tassisti a Roma. Lo sciopero indetto da tutte le sigle sindacali contro il ddl Concorrenza, colpevole, secondo loro, di deregolamentare ulteriormente il settore. Migliaia di tassisti si sono radunati in piazza della Repubblica, chiusa al traffico e presidiata dalle forze dell’ordine, da dove è partito il corteo, aperto dallo striscione «Tassisti italiani lavoratori del servizio pubblico». I manifestanti raggiungeranno piazza Madonna di Loreto, tappa finale della marcia. Intanto, il servizio taxi è fermo da questa mattina alle 8 e lo sarà fino alle 22.

Le provocazioni

E mentre alcuni rumors in mattinata hanno parlato di “ronde” di pubblici ufficiali durante la manifestazione, Francesco Artusa, ipresidente di Sistema Trasporti, associazione per il trasporto privato di Ncc auto e bus turistici, ha rilasciato una nota in cui sottolinea che «come associazione crediamo fermamente nel diritto di sciopero e di manifestazione. E siamo convinti verrà esercitato dal comparto taxi secondo le leggi vigenti. Non ci sono elementi – aggiunge – che ci suggeriscono di dare credibilità a deliranti vocali che circolano sui social e tantomeno che vi possa essere un qualsiasi coinvolgimento di pubblici ufficiali nella attuazione di fantomatiche ronde. A scopo precauzionale, abbiamo segnalato alcune provocazioni in diversi Comuni e Questure, più che altro per assicurarci una attenzione adeguata».

Le richieste

L’invito di Artusa agli associati è di «svolgere il proprio lavoro come al solito nel rispetto delle norme», «non cadere in eventuali provocazioni di chi soffia sul fuoco per creare un problema di ordine pubblico» e segnalare «qualsiasi tipo di problema dovesse verificarsi». La manifestazione, insomma, deve svolgersi senza problemi con l’intento di convincere il governo della necessità di «un intervento a seguito della Sentenza della Corte Costituzionale nonché la modifica dell’art.85/4 cds e l’abolizione del foglio di servizio. Misure di buonsenso e di giustizia – conclude Artusa – . Per il resto, attendiamo che i principi inseriti nella delega diventino articoli concreti per poterli valutare».

Sorgente articolo:
Taxi, a Roma il corteo di protesta contro il ddl Concorrenza (tra petardi e fumogeni) – Corriere della Sera

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Webinar Online
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Il tuo Sito Web Personalizzato
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro