Super Green pass: il decreto tra domande e risposte. Dai supermercati ai tamponi – Quotidiano.net

Roma, 25 novembre 2021 – Svolta Super Green pass in Italia. Il Cdm ha varato ieri il decreto che sdoppia il certificato verde, introducendo nuove restrizioni per i non vaccinati dal 6 dicembre. Il provvedimento “salva Natale” resterà in vigore fino al 15 gennaio e potrà essere, eventualmente, prorogato. Per il periodo in questione le misure riguarderanno anche la zona bianca: servirà il tampone per salire su bus e treni regionali, mentre per accedere a bar e ristoranti al chiuso sarà necessario esibire il Green pass rinforzato per soli vaccinati e guariti. Ecco alcune domande (e risposte) sulle misure in arrivo per chiarire come cambierà la vita degli italiani (soprattutto quelli non vaccinati). 

Super Green pass: controlli rafforzati e multe. Chiusure solo in zona rossa

Cosa ha detto Draghi in conferenza stampa

Sommario

Covid, il bollettino Italia del 25 novembre 2021

Dopo il pronunciamento favorevole del Comitato tecnico scientifico, il governo ha diminuito – rispetto al certificato Covid-19 ’normale’ – di tre mesi (da dodici a nove) la durata del super Green pass. L’obiettivo è non fare calare in modo drastico la copertura vaccinale.

Nel Consiglio dei ministri di ieri è stato deciso che il Super Green pass entra in vigore dal 6 dicembre e durerà fino al 15 gennaio 2022. Ma il governo ha la facoltà di estenderlo anche in seguito a questo periodo.

Tra le forze dell’ordine risultava, un mese fa, non vaccinato il 20% delle unità, 95mila agenti che avevano deciso di non prendere parte alla maxi campagna. Dal 15 dicembre il governo ha varato l’obbligo se non si è esentati. Stretta anche per prof e amministrativi scolastici.

Tra undici giorni esatti per tutti i passeggeri dei bus delle città e delle metropolitane sarà obbligatorio mostrare il Green pass (quindi resta valido anche il tampone). Ma rimane il rebus di chi effettuerà i controlli.

Anche sui treni regionali dal 6 dicembre scatta l’obbligo del Green pass. Come per bus, tram e metro, i sindacati del trasporto pubblico locale lanciano l’allarme per il rischio di dover penalizzare i servizi a causa di lunghi controlli. E avvertono “sul rischio di aggressioni ai lavoratori”.

Novità anche per quanto riguarda il settore sportivo. Da lunedì 6 dicembre, per ogni età e grado, per usufruire degli spogliatoi e svolgere attività sportiva (anche per quelle all’aperto) è obbligatorio il pass base.

La stretta nel mondo del divertimento è importante: dai ristoranti (al chiuso) al cinema, dal bar alle feste, dalle cerimonie pubbliche agli eventi sportivi, potranno accedere soltanto le persone che sono in possesso di una delle due certificazioni (guarigione o vaccinazione).

Restano invariate le regole per le attività essenziali: non sarà quindi necessario esibire né il Green pass, né il Super Green pass, per accedere a supermercati, farmacie e uffici pubblici. Stesso discorso per i negozi e i parrucchieri. Obbligatorio, come lo è ora, l’utilizzo della mascherina. 

Sintetizzando: il tampone negativo sarà condizione sufficiente per avere il Green pass ‘base’ e accedere quindi al posto di lavoro, al trasporto locale, oltre che a treni ed aerei. Ma anche per dormire negli alberghi (per accedere a ristoranti e Spa al loro interno servirà invece il Super Green pass) e per accedere agli spogliatoi delle attività sportive (anche all’aperto). 

Per le altre attività (cinema, teatri, concerti, stadi, discoteche, ma anche ristoranti e bar al chiuso così come feste e matrimoni), sarà necessario esibire il Super green pass per vaccinati o guariti. 

Sorgente articolo:
Super Green pass: il decreto tra domande e risposte. Dai supermercati ai tamponi – Quotidiano.net

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Video Conferenze per B2B
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Real Time
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Realizza un Applicazione Web
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro