Bari, donna di 42 anni muore dal dentista dopo la pre-anestesia. Indagati il medico e l’assistente – Corriere del Mezzogiorno

Mezzogiorno, 14 gennaio 2022 – 13:09

La drammatica vicenda a Corato. Era da poco giunta nello studio per una visita odontoiatrica. Indagati con l’accusa di omicidio colposo l’odontoiatra che ha somministrato il farmaco pre anestetico e la sua assistente alla poltrona. Attesa per l’autospia disposta dai magistrati di Trani. La famiglia: «Godeva di buona salute»

di Carlo Testa

Una donna di 42 anni, Doriana Scardigno, è morta ieri sera all’interno di uno studio dentistico a Corato, nel Barese. La donna, a quanto si apprende, era da poco arrivata nello studio per sottoporsi ad una visita odontoiatrica. Le sarebbe stata somministrata una pre-anestesia e, a quel punto, avrebbe avuto un malore. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. La salma è stata portata al Policlinico di Bari dove il medico legale Antonio De Donno ha già eseguito un primo esame esterno in attesa che la Procura di Trani disponga l’autopsia. Gli accertamenti medico legali dovranno chiarire se vi sia una possibile correlazione tra il decesso e il farmaco somministrato alla paziente oppure se si sia trattato di un malore indipendente dalla pre-anestesia e quindi una fatalità. La Procura di Trani ipotizza il reato di omicidio colposo e ha iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto, l’odontoiatra che ha somministrato il farmaco pre anestetico e la sua assistente alla poltrona. L’autopsia sarà eseguita la prossima settimana. Gli accertamenti medico legali dovranno chiarire le cause del decesso e se il malore che ha portato alla morte sia collegato al farmaco somministrato.

Era sposata e faceva l’architetto

Doriana Scardigno era originaria di Molfetta. Era uno stimato architetto, professione che svolgeva con passione e dedizione. Era sposata e da alcuni anni viveva con suo marito a Corato, città nella quale ha purtroppo incontrato la morte. Il marito, Pasquale Ardito, è un agente di commercio. I suoi amici e conoscenti la ricordano come una persona solare, piena di vita; figura di grande intelligenza e spiccata ironia. Donna curiosa e attenta alla salute e alla forma fisica era anche ben inserita nel contesto sociale della sua città di adozione.

Tina, la migliore amica: «Mi manchi tanto»

Tina Leo, la migliore amica di Doriana Scardigno, così la ricorda su faceboook: Sono le 3.30 di un quasi venerdì, gelido e pungente. Avete presente una lama affilata che con precisione maniacale vi squarcia il cuore? Ecco, quella lama ha trafitto me,togliendo quella luce immensa che Doriana sapeva regalare. Progettava i sogni degli altri, i suoi un pochino meno. Maniaca della bellezza, dei tramonti,dei paesaggi e delle foto artistiche. Un panettone diventava un’opera d’arte. Era colorata e non per il trucco perfetto anche di notte o alle terme o al mare. Era colorata perché lo era la sua anima un pochino ribelle e irrequieta come me. Una mezza pazza di architetto stravagante che mi mancherà come l’aria. Il tuo cuore si è fermato all’improvviso, e i nostri, da oggi,avranno un battito in meno. Finalmente potrai perdonarti tutte le volte che non ti sei sentita abbastanza. Sappi che per qualcuno eri un pezzo di mondo. Come quello che avremmo girato io e te piano piano,anche con la dentiera. Mi manchi già. La mia Doris».

L’incarico per l’autopsia

Nella mattinata di martedì 18 gennaio la Procura di Trani conferirà l’incarico di svolgere l’accertamento tecnico irripetibile dell’autopsia sulla salma di Doriana Scardigno al dottor Antonio De Donno dell’istituto di medicina legale di Bari. Anche la famiglia nominerà un proprio tecnico di parte che assisterà all’esame.

L’avvocato della famiglia: «Godeva di buona salute»

«Godeva di buona salute, era una donna molto attiva, andava in palestra, una stimata professionista in carriera. La sua è una morte davvero inspiegabile». A parlare è l’avvocato Andrea Calò, che assiste i genitori, la sorella e il marito di Doriana Scardigno. Aggiunge il legale: «Nomineremo un consulente di parte. Non possiamo azzardare ipotesi per il momento, aspettiamo l’autopsia per capire cosa è successo, ma andremo fino in fondo. Sicuramente la circostanza strana è che tutto si sia consumato in maniera così fulminea in ambiente medico protetto».

Le newsletter di Corriere del Mezzogiorno Puglia

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie della Puglia iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Mezzogiorno. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui

14 gennaio 2022 | 13:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articolo:
Bari, donna di 42 anni muore dal dentista dopo la pre-anestesia. Indagati il medico e l’assistente – Corriere del Mezzogiorno

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Realizza un Applicazione Web
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Pubblicizza sito