Covid, in Lombardia superato il plateau: iniziata la discesa dei contagi. Ma ospedali ancora sotto pressione – Corriere Milano

di Stefania Chiale

I dati della Regione: diminuisce il numero dei nuovi positivi. Ieri i casi registrati sono stati il 25% in meno rispetto al 6 gennaio. Non si allenta la morsa sulle strutture sanitarie: più di un letto su tre è occupato da pazienti Covid. Riaperto l’ospedale in Fiera

Non solo il picco del 4 gennaio, per ora, tiene. Ma i contagi in Lombardia, che rimarrà in zona gialla anche la prossima settimana , stanno diminuendo da una settimana all’altra: siamo, tecnicamente, sotto lo «zero» in termini di incremento settimanale dei nuovi positivi. Lo mostra un grafico in mano alla Direzione generale Welfare e visionato dal Corriere, che indica l’incremento dei nuovi positivi negli ultimi 7 giorni sui 7 precedenti.

Si tratta di un grafico a colonne che ogni giorno segna la differenza tra la somma dei casi settimanali e la somma dei casi della settimana precedente. In questo modo si rileva l’accelerazione o decelerazione nell’incremento dei casi. E da qui, quindi, l’impennata, il picco, il rallentamento, il famoso «plateau» e — finalmente — la discesa dei contagi. Ma andiamo con ordine. Per ora la curva continua a mantenere inalterato il disegno di un picco in data 4 gennaio, con una successiva discesa nei giorni a seguire, anche molto repentina. L’impennata era iniziata a metà dicembre ed è proseguita in maniera costante fino, appunto, al 4 gennaio. Giorno dopo il quale si assiste — pur tenendo conto dei dati «falsati» dell’Epifania, con un livello bassissimo di test effettuati — a una rapida discesa. Fino alla sorpresa di ieri, quando la colonna è passata a segno negativo.

Come leggere il grafico? Quando la pandemia è in fase di rallentamento non significa che i contagi non stiano aumentando di settimana in settimana e che non restino alti, ma che di settimana in settimana l’incremento dei casi rallenta. Quando si avvicina allo «zero» significa che la Lombardia si trova su un plateau, ossia in un periodo in cui le infezioni restano sostanzialmente stabili oscillando di poco verso l’alto o verso il basso. Arrivare al plateau significa, cioè, non avere differenza tra la somma dei casi di una settimana e di quella precedente: essere in un periodo di stabilità dei contagi. Quando invece questa differenza va sotto lo «zero», come successo ieri, significa che i contagi diminuiscono da una settimana all’altra. «Si tratta di un leggero rallentamento», commenta il direttore generale del Welfare Giovanni Pavesi.

La cautela è d’obblig0. Il risultato potrebbe essere falsato dai dati dell’Epifania, ma avrebbe comunque rilevanza dato che la settimana precedente presentava ben due giornate a contagi del tutto sotto la media per via dei pochi test di inizio anno. Ieri i nuovi casi registrati sono stati 39.683, il 24,7% in meno rispetto al 6 gennaio, quando ne emersero 52.693. E il 3,4% in meno (di qui la colonna sotto lo «zero» nel grafico) considerando la somma dei casi negli ultimi sette giorni rispetto alla somma dei casi nei sette giorni precedenti.

La grande incognita può essere rappresentata dalla riapertura delle scuole, che potrebbe portare a una nuova impennata nell’incremento dei contagi e dunque spostare il picco di nuovo più in là. Tutto si gioca, insomma, nei prossimi giorni e nelle settimane a venire: vedremo se l’incremento dei casi subirà una nuova accelerata o se potremo continuare a pensare che il peggio è passato.

Si tratta di numeri, però, che seppure pure in calo continuano a impattare sulle ospedalizzazioni: ieri sono entrati altri 135 pazienti in area medica, dove l’occupazione Covid supera ormai il 33%, e altri 4 in terapia intensiva, con un’occupazione ancora sotto la soglia che spedirebbe la Lombarda in zona arancione, al 16,8%. Proprio per far «respirare» le terapie intensive della regione — e «per consentire loro la continuazione dell’attività ordinaria», dice Pavesi — da oggi i pazienti che necessitano di rianimazione potranno essere mandati anche all’ospedale in Fiera. I pazienti qui arriveranno secondo le indicazioni della Dg Welfare: quando si crea un nuovo bisogno, un nuovo paziente che necessita di essere intubato, la Dg Welfare può decidere di mandarlo al Portello. Dove sono stati riattivati i primi due moduli di terapia intensiva, da 15 posti letto ciascuno.

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Milano e della Lombardia iscriviti gratis alla newsletter di Corriere Milano. Arriva ogni sabato nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Basta cliccare qui.

14 gennaio 2022 (modifica il 14 gennaio 2022 | 20:55)

Sorgente articolo:
Covid, in Lombardia superato il plateau: iniziata la discesa dei contagi. Ma ospedali ancora sotto pressione – Corriere Milano

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parole chiavi nelle ricerche
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Free Web Hosting
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999995 Gestione Contatti
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro