Decapitati i vertici della Cassazione: il Consiglio di Stato boccia il Csm – Il Foglio

A poco meno di una settimana dalla cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario, prevista il 21 gennaio presso la Corte di Cassazione di fronte alle massime cariche dello stato (tra cui il presidente della Repubblica), con due sentenze clamorose il Consiglio di Stato ha decapitato i vertici della stessa Corte di Cassazione, dichiarando illegittime le nomine del presidente Pietro Curzio e del presidente aggiunto Margherita Cassano, deliberate nel luglio 2020 dal Consiglio superiore della magistratura. Un vero e proprio terremoto per la magistratura italiana, che ora si ritrova senza i suoi vertici. L’immagine più emblematica di un mondo togato a pezzi, che ancora fatica a riprendersi dagli scandali e dai contrasti interni che l’hanno travolto negli ultimi tre anni.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Accedi Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri tutte le soluzioni
OPPURE

Sorgente articolo:
Decapitati i vertici della Cassazione: il Consiglio di Stato boccia il Csm – Il Foglio

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999987 Realizza un Applicazione Web
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999997 Videochiamate per le Aziende
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Fiasconaro