Tajani rilancia il ruolo di Fi, senza di noi il centrodestra non vince – Agenzia ANSA

 Senza Forza Italia, un partito garante di un centro popolare, liberale, moderato ed europeista, il centrodestra perde. Potrebbe anche raggiungere la maggioranza ma non sarà mai in grado di governare. Il coordinatore nazionale Antonio Tajani, nel corso del Forum dell’ANSA, rilancia il ruolo cruciale del partito azzurro a poche settimane dalle amministrative, in un momento in cui l’alleanza resta fortemente scossa dalle tensioni tra l’asse Fi-Lega e Fratelli d’Italia.

Proprio a Giorgia Meloni l’ex Presidente del Parlamento europeo lancia alcuni messaggi non polemici ma netti. Alla reiterata richiesta di un patto anti-inciucio, di un accordo preventivo contro la sinistra, Tajani replica fermo che è stato Silvio Berlusconi, sin dal 1994, ad aver sbarrato la strada al governo dei comunisti. “Il patto che chiede Meloni – sillaba Tajani – c’è sempre stato e noi lo abbiamo sempre rispettato”. Insomma, come dire, se c’è un leader coerente lungo la linea della fedeltà al centrodestra, questo è certamente il Cavaliere, che di questa alleanza è addirittura il fondatore.  

Riguardo alla continua polemica di Fratelli d’Italia contro il cosiddetto “governo dei migliori”, Tajani ribadisce che si tratta di un esecutivo non politico ma di salvezza nazionale, nato su impulso di Berlusconi, per far fronte a due emergenze gravissime, prima quella pandemica, ora quella della guerra. Ma stavolta va oltre, punzecchiando l’ex ministro della Gioventù e la sua scelta di rimanere fieramente all’opposizione: “Abbiamo anteposto l’interesse del Paese a quello del nostro partito. Quando si tratta di salvare l’Italia indossiamo tutti la maglia della nazionale. Gli elettori ci hanno capito tant’è che Fi è cresciuta nei consensi con stabilità. Avremmo voluto – sottolinea – che anche Fdi avesse partecipato a questo governo proprio perchè si dicono patrioti”. Poi fa capire che parlare ora di futura premiership, a un anno dal voto, sia ampiamente prematuro: “Noi non abbiamo preclusioni nei confronti di nessuno ma le partite si devono giocare e vincere.

Il centrodestra è vero che parte favorito, io sono anche ottimista, ma la partita la dobbiamo giocare”. Esclude che i dissapori interni sull’invio di armi all’Ucraina abbiano lasciato strascichi polemici: “Berlusconi – ribadisce – ha detto parole di pace, non ha nessun tentennamento. Il partito si è ritrovato intorno a lui”. Scettico anche circa la possibilità che si approvi una riforma elettorale: “non vedo i tempi necessari. Ci sono ancora tante cose importanti da fare, poi come la cambiamo?Credo che sia difficile cambiare questa legge e poi abbiamo visto che cambiando le leggi non sempre abbiamo avuto governi stabili”. Infine, prima difende l’accordo su catasto e balneari, quindi frena sulla proposta di riforma delle pensioni di “Quota 100”. “A noi non ci affascinava, meglio allora quota 104 ma credo che si debba dare vita ad un riforma che tuteli i lavori ultrasessantenni ma anche i lavoratori giovani”.  

Sorgente articolo:
Tajani rilancia il ruolo di Fi, senza di noi il centrodestra non vince – Agenzia ANSA

User ID Campaign ID Link
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999980 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999986 Cloud Realtime
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999978 Ugo Fiasconaro
d9a95efa0a2845057476957a427b0499 l-99999988 Parole chiavi nelle ricerche